Guida alle migliori attrazioni poco e non turistiche di Roma

Monumenti e opere incantevoli, luoghi dal fascino indescrivibile, paesaggi mozzafiato, angoli meravigliosi. Tutto questo è Roma, la Città Eterna, apprezzata nel mondo tanto da essere costantemente “invasa” da turisti che provengono da ogni angolo del globo. Eppure Roma si caratterizza anche per tanti altri luoghi meno celebrati ma altrettanto interessanti, conosciuti soprattutto dalla popolazione capitolina, scopriamone insieme alcuni!

Il Giardino degli Aranci, il miglior panorama di Roma

Il viaggio nella Roma segreta comincia da un piccolo parco posto sul colle Aventino, nel rione Ripa, che viene indicato come parco Savello ma che è famoso in città come Giardino degli Aranci. Per molti romani, recarsi presso il Giardino degli Aranci significa poter godere della miglior visuale di Roma, oltre ad essere uno dei luoghi più romantici della Capitale. La vista del Cupolone di San Pietro, specialmente al tramonto, è un autentico spettacolo che merita di essere vissuto fino in fondo. L’ingresso principale del Giardino degli Aranci è in piazza Pietro d’Illiria, visitatelo durante la vostra vacanza romana e vi assicurerete fotografie bellissime!

Posizione esatta su Google Maps

La Farmacia di Santa Maria della Scala, la più antica tra quelle attive

Se invece ci si trova nel meraviglioso quartiere Trastevere, non può mancare una visita alla più antica farmacia di Roma ancora in funzione. Stiamo parlando della Spezieria di Santa Maria della Scala, la cui attività risale addirittura al 1500 mentre l’apertura al pubblico avvenne all’incirca un secolo dopo. Entrare all’interno della farmacia equivale a mettere piede in uno dei luoghi rappresentativi della storia romana: al suo interno, infatti, sono ancora conservate in ottimo stato bottiglie, flaconcini, ampolle e medicine molto antiche, come ad esempio la teriaca, che già ai tempi dell’antica Roma veniva largamente utilizzata perché considerata “panacea di tutti i mali”. Si può visitare la farmacia di Santa Maria della Scala in Piazza della Scala grazie a delle aperture speciali, spesso visite guidate gestite da associazioni locali.

Posizione esatta su Google Maps

Il fascino della Casina delle Civette

Un altro posto molto interessante e scarsamente conosciuto di Roma è la Casina delle Civette, un’ex residenza della famiglia Torlonia che oggi ospita un museo. L’aspetto della Casina delle Civette, che è possibile raggiungere recandosi dietro la collina del parco di Villa Torlonia che porta lo stesso nome, è un miscuglio di arte medievale e di Art Nouveau, ed è anche per questo che riesce ad attrarre e allo stesso tempo ad infondere una certa inquietudine per la sua sgangherata architettura. Nel 1800 la Casina delle Civette era nota anche come Capanna Svizzera per la sua forma estetica che ricorda molto quella degli chalet alpini.

Posizione esatta su Google Maps

Galleria Sciarra, la meraviglia Liberty

La Galleria Alberto Sordi è certamente uno dei luoghi più conosciuti e apprezzati di Roma, ma in quanti conoscono la Galleria Sciarra? Probabilmente i romani sanno benissimo dove si trovi questo gioiello architettonico, ovvero a pochissima distanza da Via del Corso, precisamente in via Marco Minghetti, anche se uno degli ingressi più utilizzati è in Piazza dell’Oratorio. La struttura di questo passaggio pedonale coperto è tutta in stile liberty: non è certo un caso, dato che la costruzione di quest’opera risale al biennio 1886-1888. Negli orari d’ufficio, la Galleria Sciarra viene normalmente aperta al pubblico, in modo tale da mostrare tutto il suo splendore.

Posizione esatta su Google Maps

L’orologio ad acqua di Villa Borghese

Avete mai visto un orologio azionato da una fontana? Se non vi è mai capitato di assistere a questo simpatico meccanismo, è arrivato il momento di rimediare: all’interno di Villa Borghese, infatti, si trova un orologio che riesce a funzionare proprio grazie all’acqua di una fontana che mette in funzione uno strumento piuttosto bizzarro. Il nome di questo oggetto è proprio “orologio ad acqua” o anche “idrocronometro” e nasce dall’idea di Giovan Battista Embriaco e di Gioacchino Ersoch, che realizzano l’opera nella seconda metà del diciannovesimo secolo. L’orologio è posizionato in un isolotto al centro di un laghetto di Villa Borghese ed è un marchingegno incredibile, da vedere assolutamente.

Posizione esatta su Google Maps

Il mistero della Porta Alchemica

Se invece siete amanti dell’esoterismo, il consiglio è di visitare la Porta Alchemica, ritenuta una delle porte più misteriose di tutta Roma. Questa Porta, considerata “magica” dalla leggenda popolare, è uno dei resti di Villa Palombara, un edificio di grandi dimensioni che sorgeva sul Colle Esquilino. Stando a quanto tramandato di generazione in generazione, il proprietario della villa era un famoso alchimista dedito a studi molto particolari. Secondo la leggenda, la Porta Alchemica conserverebbe il segreto della pietra filosofale. Si trova in Piazza Vittorio Emanuele II, all’interno dei giardini.

Posizione esatta su Google Maps

Dove dormire per visitare Roma in tutta tranquillità?
A San Pietro b&b
! Prenotate: [email protected] o al numero +39 329 3566656